< Reviews

STAHLMANN - Bastard

Home

2017-04-25 15:34:51

STAHLMANN - Bastard

Proprio quando comincia a sentirsi la mancanza di un nuovo potente disco di “Neue Deutsche Härte” (NDH), arriva questo lavoro degli Stahlmann, “Bastard”.

Senza farneticare troppo, così come alla band piace, si parte con il sound a cui ci hanno abituato, chitarre pesanti, sintetizzatori e voce profonda. Si susseguono con incredibile energia e una musicalità che ti fa battere per forza il ritmo le tracce del trittico iniziale, “Leitwolf”, “Judas” e la titletrack “Bastard”.
Si nota da subito che la qualità compositiva, da una parte, e sonora dall’altra, hanno fatto un salto di qualità anche rispetto al precedente lavoro: il suono è più maturo, più pesante, tuttavia meno “arrabbiato”, e ciò si nota soprattutto in “Nichts Spricht Wahre Liebe Frei", una canzone lenta, quasi una ballata industrial, scusate l'ossimoro. Ottima dunque la scelta di “Bastard” e “Nichts Spricht Wahre Liebe Frei” rilasciati come singolo di anteprima!

Nella seconda parte dell’album si sente un rallentamento, un calo del ritmo. Le tracce conservano la loro impronta industrial ma mancano della foga iniziale procedendo senza infamia e senza lode fino a “Dein Gott” che è tutt’un altro paio di maniche! La canzone infatti riprende vitalità ed è forse la più “ballabile” dell’intero album: chitarre e sintetizzatore fanno venire voglia di fuoco e fiamme; non per niente sono stati già annunciati per il Wacken di quest’anno: il “Wasteland Stage” è perfetto per loro!

In chiusura si assumono sfumature più melanconiche, infatti la canzone finale, “Supernova”, è un capolavoro di elettronica, che racchiude tutto lo spirito del NDH. La voce di Mart acquista corpo e non è più solo il “ringhio” profondo “à la Lindermann” se vogliamo, ma è ben definita e melodica.

Tempismo perfetto insomma per gli Stahlmann che fanno un buon album. Buono basta come giudizio: nonostante la produzione e la resa impeccabili, forse è un po’ meno audace rispetto ai lavori precedenti. D’altra parte maturando, è inevitabile il cambiamento e possono uscire fuori anche meraviglie (vedi Supernova…), ma alcune cose potevano essere rifinite un po’ meglio. Convincenti ma non troppo.

Voto:

7

Info

AFM Records
2017
Industrial, NDH
http://www.stahlmann.tv

Tracklist

01. Leitwolf

02. Judas
03. Bastard
04. Nichts Spricht Wahre Liebe Frei
05. Wachter
06. Von Glut Zu Asche
07. Alptraum
08. Dein Gott
09. Schwarz Und Weiss
10. Supernova

Lineup

Martin Soer: Vocals, Programming

AblaZ: Bass
Frank Herzig: Guitars
Maximilian Thiele: Drums