< Reviews

WINTERSUN - The Forest Seasons

Home

2017-07-26 08:54:05

WINTERSUN - The Forest Seasons

Avete presente quella sensazione che si prova al risveglio da un sogno vivido? Provate ancora sulla pelle le emozioni maturate nella fase onirica e ciò che appare al risveglio è una piacevole combinazione tra sollievo e sconforto? Sentite quella leggera nausea che il passaggio provoca e portate addosso i segni di una vertigine in cui non prospettavate di ritrovarvi? Bene…può succedere anche in musica.


The Forest Seasons” è questo: una catapulta che proietta in una dimensione parallela dove tutto è claustrofobico ed emozionante. Se “Time I”, uscito un lustro fa, era riuscito a catalizzare sentimenti e pensieri, in questo nuovo capitolo i Wintersun metteranno a dura prova resistenza e forza d’animo. Quattro song per una cinquantina di minuti abbondanti, concettualmente ispirate alle mitiche “Quattro Stagioni” di Vivaldi, mostrano come una band possa fare enormi passi avanti senza essere perennemente al centro dell’attenzione…come per ogni uscita del combo finnico è la prospettiva di infinito che caratterizza le songs ad essere il vero colpo maestro, inducendo i fans in un ascolto perpetuo che fa premere il play più volte per posticiparne l’inevitabile fine.


La produzione è eccelsa anche se mantenuta più ‘live’ rispetto al capitolo scorso…i suoni sono freddi ed epici, atti a confluire nelle strutture maggiore epicità, mentre le performance danno l’impressione di essere al cospetto di un unico e inossidabile musicista monolitico; Jari Mäenpää si bilancia sempre tra growls, high screaming e cantanti nordici, fungendo da vera bussola per l’andamento delle lyrics. Mastering e mixing non lasciano nulla al caso, pompando gli elementi al momento giusto per creare quell’abbraccio avvolgente che ognuno di noi cerca.


“The Forest Seasons” contengono tutti gli elementi del metal nord-europeo…”Awaken From The Dark Slumber (Spring)” si basa su cadenze continue e visioni mistiche, “The Forest That Weeps (Summer)” propone il lato più folkeggiante del quintetto, “Eternal Darkness (Autumn)” alterna viking a extreme con facilità disarmante mentre il capitolo finale “Loneliness (Winter)” è permeata di un’opprimente senso di malinconia che mette le lacrime agli occhi.


Sinceramente…non ho parole. Mi sembra d’aver scritto ogni singolo aspetto di questo immenso disco eppure la sensazione è di non essere riuscito a darne il giusto tributo. I Wintersun stupiscono e si plasmano nuovamente diversi piani sopra il resto della scena. Consigliato…e forse di più.


Voto:

9,5

Info

Nuclear Blast
2017
Symphonic Metal
https://www.facebook.com/wintersun/

Tracklist

01. Awaken From The Dark Slumber (Spring)

02. The Forest That Wheeps (Summer)
03. Eternal Darkness (Autumn)
04. Loneliness (Winter)

Lineup

Jari Mäenpää: Vocals, Guitars & Programming

Kai Hahto: Drums

Jukka Koskinen: Bass

Teemu Mäntysaari: Guitars

Asim Searah: Guitars